Mutua Matheka, lo Tsavo e il futuro dello spazio

image

( foto: Elisabetta Corra’, Lake Eyasi – Tanzania )

L’Africa ha qualcosa da insegnare? Si chiede Wole Soyinka, lo scrittore nigeriano premio Nobel per la letteratura. La risposta è assolutamente sì, e basta seguire il lavoro fotografico dell’artista keniota Mutua Matheka ( Mutua Matheka Photos ) sullo Tsavo NP per capirlo, fuori da tutti i pregiudizi estetici del turismo da safari. Le foto di Matheka sono un inno allo spazio. Nel parco famoso per i suoi leggendari gruppi di elefanti e di leoni, Matheka fotografa cieli sconfinati, il rosso della terra e la pista su cui corre la sua Land Rover, “una strada che dura per sempre”. Guardando queste foto lo spazio sembra esplodere, per noi occidentali, in tutta la sua presenza. Sembra che davvero ne sia rimasto ancora moltissimo. Sembra che per davvero esista ancora un posto sul Pianeta in cui lo spazio occupi la mente, lo sguardo, l’anima, la vita. Attraverso le foto di Matheka ci accorgiamo che serve spazio per capire lo spazio. Questo, fra tantissime altre cose, può darci l’Africa oggi ponendoci questa domanda: chi lo abita questo spazio ? E come ?

Soyinka ha scritto che quando si entra in una terra sconosciuta, l’ultimo arrivato ha sempre l’opzione di “dissolvere il nuovo territorio in quanto spazio abitato, rendendo invisibili i suoi abitanti”, facendone, dice Soyinka, “una piantagione esotica o un resort turistico”. Nel lavoro di Matheka invece questo non succede perché lo sguardo africano sull’Africa toglie di mezzo la lente di trasfigurazione occidentale, mostrando, molto semplicemente, che anche le zolle di terra dello Tsavo sono magnifiche perché sono organiche, libere, piene di respiro e autodeterminazione. Lo spazio ha un carattere potentemente multidimensionale, è un prisma che raccoglie le nostre rappresentazioni stratificate nel tempo. Lo spazio è una sintesi di geografie non esclusivamente topografiche, ma interiori. Ed è su questo fronte di percezione che si scontrano le diverse idee sul futuro dello spazio in Africa che sono sul tavolo oggi. I diversi termini di cui dispone la lingua inglese per definire lo spazio danno la misura del problema: range, habitat, landscape. Quale idea di spazio è ancora disponibile e realistica sul Pianeta? Il concetto classico di range per una certa specie è ancora funzionale al design della conservazione ?

Le foto di Matheka sono un esempio della distinzione tra beni statici e beni dinamici che Soyinka pone nel proporre una nuova stagione di esplorazioni africane: “Esistono anche beni dinamici : i modi di vedere, di rispondere, di adattarsi, o semplicemente di fare, che variano da popolo a popolo, nonché le strutture dei rapporti umani. Tutto ciò che costituisce potenzialmente oggetto di scambio – non negoziabile, come il legname, il petrolio o l’uranio, ma nondimeno riconoscibile come qualcosa che definisce il valore umano di un popolo – e potrebbe contribuire concretamente alla risoluzione dei problemi di comunità lontane o addirittura alla sopravvivenza del Pianeta”.

( citazioni da : W.Soyinka, Africa, Bompiani Outlook 2015 )

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...