WWF Canada chiede al governo di stanziare 1,4 miliardi di dollari per la protezione degli habitat selvaggi 

WWF Canada ha chiesto al governo canadese di stanziare almeno 1,4 miliardi di dollari del bilancio federale per la protezione degli habitat selvaggi. Il governo renderà noto soltanto a marzo come le risorse finanziarie saranno distribuite per gli anni a venire, ma dopo la pubblicazione dei dati sullo stato reale dei suoi ecosistemi – in un paese considerato ancora ampiamente intatto ( il 50% delle specie monitorate in Canada tra cui i grandi mammiferi sono purtroppo ormai in declino ) – stavolta il WWF spinge per una valutazione più completa. 
In una lettera diffusa via web Megan Leslie, presidente e Ceo di WWF Canada, ha spiegato che “il denaro non è sufficiente. Per arginare davvero il collasso della wildlife abbiamo bisogno di qualcosa di più di una infusione di denaro contante. Dobbiamo rivoluzionare il nostro approccio alla conservazione”. Leslie si riferisce al dibattito in corso sul futuro dello spazio selvaggio e sulla constatazione che le faune del pianeta potranno sopravvivere solo in territori abbastanza vasti da contenere funzioni ecologiche intatte: gli studi recenti del WWF mostrano che i trend in corso per la biodiversità globale, se qualcosa non cambia, ci porteranno ad una perdita del 67% delle popolazioni di specie selvagge entro il 2020, l’anno in cui faremo i conti con gli Aichi Targets, e cioè gli obiettivi per la conservazione posti al 2020. Il Canada si era impegnato a proteggere il 17% del suo territorio ( compresi fiumi e laghi ) ma nel 2016 si era appena al 10,5%. 
La questione – come è ormai chiaro anche in Africa – e’ solo una: lo spazio, quanto siamo disposti a concederne alle altre specie. Non basta che un parco nazionale sia qualitativamente splendido, deve essere anche molto, molto grande. Leslie: “per ottenere risultati consistenti nelle nuove aree protette la qualità e’ importante tanto quanto la qualità. Non possiamo sempre scegliere di cogliere i frutti scarsi di territori spogli e poveri di faune selvatiche dove ci sono anche poche minacce umane”. 
Inoltre, si legge nella lettera, “Un piano federale ben progettato può rafforzare la riconciliazione con le comunità indigene applicando le loro conoscenze e coinvolgendole direttamente nell’identificazione delle aree naturali più importanti, nonché nella loro gestione”. 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...