Jurassic World – Il regno distrutto: al cospetto della genetica siamo tutti sudditi senza diritti

IMG_4627

Jurassic World – Il regno distrutto non è un film per bambini. E non per la violenza delle scene di caccia che coinvolgono predatori terrestri e acquatici di una ferocia fuori dall’immaginario, ma per la crudeltà inflitta agli animali. I teropodi di Isla Nublar soffrono moltissimo in questo film, che è il più completo della saga inaugurata 25 anni fa da Spielberg. Finalmente, il regista Cuan Antonio Bayona costruisce un racconto non solo azione e terrore – la paura senza nome che proviene da ciò che dovrebbe stare in un museo e invece viene di nuovo forzato alla vita – ma anche riflessione angosciata sulla disponibilità umana a negare i diritti delle altre specie. Ma non pensate che ci sia dell’ecologismo facile nel film, perché vi sbagliereste di grosso. La trama del Jurassic World è il business dell’estinzione: sfruttare le specie già consegnate al passato fossile per imitare Michelangelo giocando con le basi azotate del DNA (non basta più clonare un allosauro o un raptor, adesso bisogna mischiare il pool genetico di più teropodi per “migliorare” le loro caratteristiche adattative) o ripulirsi la coscienza dopo aver preteso la loro resurrezione in nome del progresso scientifico. 

Sono passati alcuni anni dal disastro del parco dei divertimenti su Isla Nublar, dove i bambini potevano “cavalcare” i piccoli di triceratopo come si fa sulle giostre. Claire Dearing ha fondato una NGO per la protezione dei dinosauri: affiancata da uno staff all’altezza di un militante green blog dotato di computer Apple, Claire tenta di convincere politici e simpatizzanti che bisogna salvare le specie in pericolo di Isa Nublar, evacuandole prima che il vulcano tornato in attività esploda. Già, ma spostarle dove? Non sarebbe meglio lasciarle al loro destino, ad una seconda estinzione di massa?

Così la pensa il matematico Ian Malcolm, che sul Jurassic Park ha sempre nutrito più di un dubbio. Stavolta Malcolm fa quello che gli ambientalisti non sanno fare, e cioè ragionare filosoficamente. Davanti ad una commissione del governo americano Malcolm dichiara che sì, i teropodi devono estinguersi, perché così si sono messe le cose per loro nel loro ecosistema. Ma c’è di più. Lasciati a se stessi su Isla Nublar, i dinosauri si sono ripresi il proprio habitat: “la loro presenza presuppone la nostra assenza”. I dinosauri se la cavano benissimo senza di noi, come le specie selvagge nei pochi habitat rimasti nel nostro mondo reale. Ma può un creatore onnipotente rinunciare alla propria “megalomania politica”? Se dinanzi alla prepotenza della tecnologia, dice Malcolm, ci siamo trovati impreparati ( antiquati, avrebbe glossato Guenther Anders), al cospetto della genetica dovremmo quanto meno sentire un bel brivido gelato lungo la spina dorsale, prima di applaudire, perché “la morte la conosciamo solo quando la abbiamo in faccia”. 

Il creatore è per definizione un despota. La libertà delle creatura è solo una utopia, come insegnano le religioni monoteiste. E quando Claire si trova davanti alla proposta di “traslocazione” di almeno 11 specie fuori da Isla Nublar grazie ai soldi e allo staff militare dell’erede di Hammond, Sir Lockwood, l’opzione ambientalista si svela per quello che è: una riserva per animali estinti in via di estinzione. Un altro parco, un altro recinto, un altro confine per mettere in sicurezza l’esito sfacciato – e quindi pericolosissimo – dell’ingegno umano. E’ su dettagli come questo che il Jurassic World gioca la sua partita di film impegnato. La cattura dei dinosauri su Isla Nublar mozza il fiato perché lo schermo rimanda la paura e lo sconcerto degli animali sedati, ingabbiati e sposati con gli elicotteri verso un altro mondo (la riserva): non vi ricorda forse i rinoceronti, i leoni e gli elefanti mezzo addormentati con il Fentalin e traslocati in parchi nazionali per ripopolare aree wild ormai vuote? O per salvarli dai bracconieri, dai trafficanti cinesi e della Borsa di New York?

IMG_4628

Naturalmente non esiste nessuna riserva per i dinosauri. Li attende una cantina buia (il sottosuolo della mente umana) con vani in calcestruzzo, uno per ogni animale. Gli animali saranno venduti in una asta da almeno 100 milioni di dollari a ricchi imprenditori, mafiosi, degenerati e politici di ogni Paese pronti a pagare per avere un giocattolo vivo che ha sconfitto il tempo geologico e la morte. Per Blu, il velociraptor femmina che ha condiviso il proprio imprinting con Owen Grant, il paleo-zoologo che riesce a comunicare con i predatori del Giurassico, il destino è ancora peggiore. L’imprevedibilità evolutiva l’ha resa speciale, e i genetisti al lavoro sul paleo-DNA vogliono sfruttarla al meglio. Per creare ciò che non è stato ancora creato. Un incesto tra specie. Owen e Claire a questo punto sono costretti a fare i conti con le loro stesse azioni: Claire aveva dato il permesso per la clonazione dell’Indominus, un predatore con i geni del T-rex e molto altro, un mostro ingovernabile e super intelligente. Owen si era prestato a sperimentare un training di addestramento con i raptor, rendendo di fatto Blu disponibile ad essere usata come arma biologica e incrociata con l’Indominus. 

Claire e Owen saranno costretti a muoversi in un mondo completamente sovvertito, plasmato da una nuova unità di misura della realtà, e cioè le possibilità insite in un laboratorio di genetica. L’estinzione siamo noi, non solo perché disponiamo dell’estinzione attraverso le nostre pretese sul Pianeta, ma anche perché estinguendo tutto ciò che riteniamo adeguato all’estinzione (le specie ormai inutili nei programmi biopolitici della civiltà)  estinguiamo noi stessi. La cantina buia frastornata dal ruggito del T-Rex e dell’Indoraptor, che non ha mai visto la luce del sole, è il nostro inconscio, l’apoteosi delle nostre pulsioni creative. La strada verso la libertà ha per i dinosauri il nome di una bambina che condivide con loro la sofferenza dell’essere stata creata. 

Annunci

La insolita convivenza delle api con la Lamborghini. Con il Conapi al FICO di Bologna

img_4580.jpg(cartolina Conapi – dalla cartella stampa)

Parlare di api è oggi abbastanza di moda, ma poche persone, in un settore che sta subendo forti contratture di produzione a causa dei cambiamenti climatici (il miele di acacia è sempre più caro ed è ormai un proxy, un indicatore ambientale, di come le stagioni alle latitudini del centro-nord della Penisola siano alterate), lo fanno con la convinzione del Conapi, il Consorzio Italiano dei produttori. Lo scorso 18 maggio il marchio storico del Conapi, Mielizia, ha organizzato una giornata esplorativa delle proprie attività didattiche aperte al pubblico, e di alcuni prodotti appena usciti, in un “ambiente” nuovo per il Consorzio, il FICO Eataly World di Bologna. Il parco agroalimentare è stato presentato già nel 2017 come una sorta di miracolo italiano, vetrina di alto profilo per tradurre in scelte consapevoli un modo diverso di uso delle risorse del territorio e dei suoi animali da allevamento. In una giornata molto calda per un maggio stranamente piovoso – e come potrebbe essere altrimenti, con la cifra tonda di 410 ppm di CO2 in atmosfera – la visita al FICO è stata una sorta di test, che ha infine mostrato la dedizione coraggiosa del Conapi alla propria causa – un patto solidale tra api ed esseri umani – anche in contesti discutibili.

img_4536-e1527433086273.jpg

Conapi è il primo produttore di miele biologico in Italia : il 45% dei soci sono biologici e tutti gli iscritti sono uniti nel sostenere una “agricoltura pulita” da pesticidi, erbicidi ed insetticidi di sintesi. Il suo marchio Mielizia vuol dire oltre 600 apicoltori e più di 90mila alveari in tutta Italia, ma anche un atteggiamento culturale verso il cibo. La guerra contro lo zucchero usato come additivo in ogni tipo di alimento è la punta di un iceberg. Il 24 maggio il Congresso Europeo sull’Obesità riunitosi a Vienna ha confermato la preoccupazione della WHO (World Health Organization): i bambini che abitano nei Paesi mediterranei sono per metà obesi e non sanno più cosa sia una dieta con pomodori, olive, pesce fresco, verdure.  Mielizia ha appena messo sul mercato un nuovo tipo di composta ( albicocca, fragola e mirtilli) senza zucchero, dolcificata con miele di Sulla. La composta non contiene neppure pectina, ed è a residuo zero di pesticidi. Molto meno dolce di una composta tradizionale di frutta, e molto più saporita. Nel corso della giornata al FICO, uno chef ha poi mostrato come il miele, quando è veramente buono, possa essere utilizzato in molte preparazioni gastronomiche che limitano il consumo di grassi saturi e arricchiscono scelte vegetariane: carciofi fritti conditi con maionese di soia (latte di soia, olio di girasole, miele di eucalipto e peperoncino piccante), polpette di ceci, riso rosso, alloro e miele di castagno, e pasta integrale con pomodori secchi e asparagi e miele di coriandolo. E questo è stato il nostro pranzo. Strepitoso (anche grazie a colleghi blogger molto brillanti).

IMG_4533

La presenza del Conapi a FICO, ci spiegano, rientra in una politica di “impegno etico e di divulgazione del valore dell’apicoltura, che va ben oltre la produzione di prodotto apistici (…) E’ una opportunità essere in questa sede, una vetrina per farci conoscere nel dettaglio e in profondità e mostrare cosa è la biodiversità italiana”. All’esterno del padiglione FICO è stata infatti costruita una piccola oasi per un alveare sperimentale, con tre arnie, e una comunità di api che verranno monitorate nel tempo. Le visite didattiche hanno un obiettivo nobile, e cioè mostrare la ingegnosità biologica dell’ape, un insetto antico 30 milioni di anni, che ha avuto un ruolo sostanziale nella affermazione della civiltà agricola umana. Lo sforzo progettuale del Conapi, qui, è però anche culturale, nel senso che osservare da vicino decine di api al lavoro dovrebbe fare di questo insetto un animale più familiare, più quotidiano, e quindi suscitare rispetto e una coscienza storica sull’importanza di specie evolutesi lungo milioni di anni insieme a noi. La biodiversità così come la vediamo ha richiesto tempi lunghissimi perché l’evoluzione scolpisse ciò che diamo per scontato, e nella dimenticanza collettiva di ritmi complessi, eppure intrecciati alle nostre giornate, il miele è biologia diventata racconto: cooperazione, solidarietà di gruppo, capacità di sacrificio, interazione con gli altri (piante, fiori, esseri umani).

IMG_4531

Il FICO è però altra cosa rispetto a tutte queste ragioni. Che questo vasto centro commerciale (dove hanno il loro bel posto nomi come Amadori, Granarolo e Balocco) possa essere una scuola di cultura ecologica, o green o sostenibile, attraverso il semplice atto dello scegliere cosa mangiare, è abbastanza complicato crederlo. All’ingresso, un totem di sponsorizzazione del Festival dello Sviluppo Sostenibile 2018 ha recitato un po’ la parte che un ottimo cosmetico di Christian Dior ha in un giusto make up. Le imperfezioni si possono coprire solo fino a un certo punto. Nel martellio di una musica onnipresente e dell’ultima hit dello Stato Sociale, ho camminato in un padiglione simile ad un hangar votato alla vendita, e a questa soltanto. Il “reparto” informativo sugli animali esordisce con l’Arca di Noè, e le sue spiegazioni rimangono circoscritte alle specie addomesticate. Il motivo è abbastanza chiaro, quando si arriva alla fine del percorso, dove sta Hortus, una serra lontana anni luce dalle atmosfere di Interstellar, che espone lattughe reali e erbe aromatiche. Perché davanti ad Hortus c’è l’allestimento della Lamborghini: L’uomo e il futuro, recita lo slogan che ne rende ragione, spostando di botto l’attenzione del visitatore dal cibo al rumore acritico di un motore a scoppio.

Nei giorni del Festival dello Sviluppo Sostenibile una riflessione sul valore della natura sarebbe stato auspicabile, se non fosse che l’argomento centrale di questo dibattito – fare del valore di scambio un valore di coscienza – è costantemente ignorato nel discorso ambientale. Ma che in un posto votato, benché in modo eclettico e legittimamente articolato, alla cultura del mangiare bene perché produrre cibo equivale a impiantare sul Pianeta protocolli di prelievo e trasformazione di risorse organiche (animali, piante, DNA), la Lamborghini ardisca interpretare la direzione del futuro, be’ questo è piuttosto ridicolo dal punto di vista del giornalismo ambientale. Bisogna pensarla, questa Lamborghini al FICO, e prendendo le distanze dalle categorie di realtà (sostituzione di tecnologie fossili con tecnologie a energia rinnovabile) con cui l’ambientalismo militante e di successo fa sfoggio di se stesso. Le api non possono essere messe in sequenza logica con la Lamborghini, coesistere con l’idea che la Lamborghini veicola nel mondo, condividere con la Lamborghini un progetto sano di futuro. L’impegno qui a Bologna del Conapi e di Mielizia porta con sé un robusto realismo su quanto sia urgente ridefinire le relazione tra persone e animali, e può darsi che il FICO dia una mano in tal senso. Domanda apertissima, che vale la pena tenere aperta.

Mess with your values

IMG_2178

In un fine settimana ricco di appuntamenti elettorali sul continente, inaugura a Berlino (dal 3 marzo al 29 aprile 2018, alla n.b.k. Neue Berliner Kunstverein) la mostra Mess with your values. Ancora una volta viene dalla capitale tedesca una riflessione – molto variegata – su chi siamo oggi in Europa e su come il passato condizioni e formi la nostra coscienza collettiva. La domanda che gli 11 artisti esposti pongono, ognuno nel suo originale eclettismo, è se il patrimonio di convenzioni e codici che ci portiamo sulle spalle possano tornarci utili nell’affrontare i cambiamenti sociali che chiedono la nostra attenzione, e reclamano nuovi confini etici. La mostra è comunque un insight dentro la diversità artistica di Berlino: racconta l’incontro tra gruppi sociali differenti, la spinta al riconoscimento dell’uguaglianza dei generi e si interroga sul modo in cui le rotture con il codice aprano nuove opportunità di condivisione.

Tutti e 11 gli artisti (Yalda Afsah, Lars Bjerre, Jeremiah Day, Annette Frick, Katrin Frick, Katrin Glanz, Nadira Husain, Wilhelm Klotzek, Andréas Lang, Annika Larsson, Zoe Claire Miller, Katrin Winkler) sono stati premiati lo scorso anno dal Senato di Berlino per il valore pubblico del loro linguaggio artistico.

L’aspetto tuttavia più interessante della mostra sono le opere che appartengono alla “storiografia geografica”, cioè ad un tipo di investigazione narrativa del passato che sta acquisendo peso specifico ovunque si cerchi di integrare le testimonianze del passato con la conformazione geopolitica attuale del Pianeta. Già solo nell’ultima Berlinale s’è parlato per la prima volta del Rwanda grazie al regista Samuel Ishimwe, che ha scritto la sceneggiatura del suo documentario (il titolo è  Imfura ) in francese. In Germania questo sguardo consapevole e molto critico riguarda soprattutto il colonialismo dell’epoca guglielmina in Africa (ad esempio le lectures della Deutsche Photografische Akademie di Amburgo e soprattutto PHANTOM GEOGRAPHIE. Eine Spurensuche in Zentralafrika di Andréas Lang) e ha il pregio di spostare l’attenzione del pubblico da un focus esclusivo sul periodo nazista, per mobilitare invece l’attenzione sulle responsabilità profonde nei genocidi compiuti su suolo africano dalla civiltà europea nella sua totalità, con conseguenze ben visibili oggi nell’assetto economico di buona parte del continente, e nella sua devastante miseria. Per questo vediamo alla Neue Kunst Verein Katrin Winkler (già intervenuta alla Berlinale 2017 con Towards Memory) che lavora su come si forma la memoria collettiva a partire dalle tracce del genocidio degli Herero e dei Nama in Namibia (1904-1908). La Winkler combina gli elementi storici con immagini fotografiche telescopiche usate per misurare i raggi gamma. Nella sua installazione Ester Utjiua Muinjangue, presidente della Ovaherero Genocide Foundation, legge le poesie del Nesindano “Khoes” Namises su musiche di Cecilia Oletu Nghidengwa.

Mess with your values si inserisce in questo filone parlando dei legami tra società, territori e narrative, ossia il racconto più o meno indulgente ed autoassolutorio che le comunità sono disposte a concedersi in nome della coesione interna. Il “disordine” (mess) è allora una strategia creativa che rende possibile un nuovo sguardo sulla comunità, meno dogmatico anche quando si tratta di capire che il passato non è mai né ombra né fantasma – come pensava Romain Gary – ma forza attiva capace di scolpire continuamente i confini psicologici e culturali in cui viviamo ogni giorno, sulla metropolitana, in un caffè o nell’incontro con i nuovi europei sul treno per il Charlottenburg.

“Un freddo e piovoso inverno di rovine”

AutunnoTedesco

È uscito il 31 gennaio con Iperborea Autunno tedesco di Stig Dagerman, la raccolta dei reportage che lo scrittore svedese scrisse dalla Germania del 1946 ( Amburgo, Berlino, Hannover, Duesseldorf, Essen, Colonia, Francoforte, Heidelberg, Stoccarda, Monaco, Norimberga e Darmstadt) per raccontare che cosa ne era ora di milioni di tedeschi – “persone che ringraziano Dio di essere vive all’inferno” – dopo la disfatta del nazismo. Quest’opera di giornalismo letterario non è un libro che parla solo dei mesi spaventosi del 1946 in cui apparve chiaro – e Dagerman ebbe il coraggio di scriverlo – che la liberazione per mano degli Alleati non segnava una nuova primavera spirituale per la Germania annientata “dall’apatia e dal cinismo”; questo è un libro che parla della nostra Europa di oggi e lo fa attraverso un viaggio senza speranza, ma di pura constatazione, tra le macerie delle città tedesche. Le rovine tedesche definiscono il post nazismo, e oggi l’eco di quelle rovine definisce il nostro presente europeo. Le rovine parlano della nostra relazione con la memoria, il tempo e il futuro. Parlano della guerra civile europea, dei crimini che siamo stati capaci di commettere e della strada che abbiamo scelto di intraprendere (dal Piano Marshall in avanti) per lenire i sensi di colpa, dimenticare le responsabilità e disegnare un futuro che non fosse più europeo. La domanda che in questo principio di 2018 Autunno tedesco pone, proprio mentre la base della SPD, in Germania, si impegna via Twitter per sabotare nel modo più dialettico possibile, e cioè autenticamente democratico, la seconda, Grosse Koalition della signora Merkel , è se esista ancora una Europa con cui identificarsi in quanto Europei.

Bunker bui e maleodoranti

Ancora nell’ottobre del 1946, scrive e scopre Dagerman, milioni di tedeschi sono costretti a mettersi su treni semi distrutti per lasciare il sud del Paese dove avevano trovato rifugio dai bombardamenti e tornare nelle città del nord; ma l’unica unità abitativa disponibile, poiché tutto è stato distrutto, sono le cantine. Dagerman vive in una di queste fogne di cemento, con l’acqua alle caviglie, stufe che bruciano legna bagnata, e ne fa un mitologhema della fame, del freddo, del nulla che avvolge i tedeschi all’indomani della scoperta che tutto, dal 1933, era stato immondo e sbagliato. I colleghi della stampa accusavano lo svedese di “andare ad annusare nelle pentole” e di prestare scarsa attenzione ai proclami dei nuovi partiti socialdemocratico e cristiano democratico (CDU) sul valore della democrazia, ma Dagerman aveva compreso che “è un ricatto analizzare l’atteggiamento politico dell’affamato senza contemporaneamente analizzare la fame”. I tedeschi crepavano di freddo, i bambini tossivano con i buchi nei polmoni e nessuno, veramente nessuno, macilento e ossessionato dallo stomaco vuoto, aveva davvero pensieri utili a superare lo sguardo spaccato sulle rovine dei bombardamenti, sempre, ogni minuto e ogni giorno del post Reich, perché “la fame è una forma di deficienza”. Eppure, come nella Jungle alle porte di Calais, dove finiscono i sogni coloniali e post coloniali del capitalismo avanzato che se ne è fregato del cambiamento climatico per decenni, Berlino e Amburgo si sentono dire che “la gente nelle cantine ha il dovere di ricavare insegnamenti politici dall’umidità, dalla tubercolosi, dalla mancanza di cibo, vestiti e riscaldamento”. E questo Dagerman lo scrive senza negare una virgola di quanto sostenuto da Karl Jaspers: “Tutti noi siamo complici del fatto che, tra le premesse spirituali su cui poggiava la vita tedesca, era data la possibilità di un tale regime”.

 

Amburgo: l’odore acre e amaro di incendi estinti

“Ma se si è alla ricerca di primati, se si vuole diventare esperti in rovine, se si desidera un campionario di ciò che una città rasa al suolo può offrire in quanto a rovine, se si vuole vedere non una città in rovina ma un paesaggio di rovine, più desolato di un deserto, più selvaggio di una montagna e fantastico come un incubo angoscioso, allora c’è forse una sola città tedesca da visitare: Amburgo”. Negli ex quartieri di Hasselbrook e Landwehr ci sono “mucchi bianchi di vasche da bagno in frantumi” e una “enorme discarica di frontoni in pezzi”; la polverizzazione della civiltà urbana è una coltre di nebbia ideologica e sentimentale che raggiunge, dentro le menti e i cuori dei tedeschi sopravvissuti, un senso di impotenza, di nullificazione, di stordimento; è il vuoto della responsabilità morale che urla il suo vero fondamento, Dagerman lo capisce, che non sta certo nel didattico richiamo agli errori commessi ( come si pretende oggi nella Giornata della Memoria, ridotta ad un fumetto sulla vicenda di Anne Frank venduto in edicola), ma in un movimento ben più vasto di consapevolezza che scava fino alla complicità di ogni singolo individuo in quanto essere umano figlio della modernità. Perché la gente delle cantine, non tutta certo, ma moltissima, era gente come noi. E allora la penosa sensazione che queste pagine strepitose danno oggi è questa, che ciò che ci sfugge di quelle persone, perché non la accettiamo, è la loro totale somiglianza con noi. E che in questa somiglianza stia il cuore dell’Europa che solo raramente abbiamo imparato a guardare in faccia da quel 1946. Ad Amburgo infatti “è inutile perfino cercare i ricordi di vita umana. Solo i termosifoni si aggrappano ancora ai muri come grandi animali impauriti; per il resto tutto ciò che poteva prendere fuoco è sparito. Oggi c’è quiete, ma quando il vento soffia produce rumore nei caloriferi e tutto questo ex quartiere mortalmente silenzioso si riempie di uno strano suono martellante. Allora capita, a volte, che un calorifero si stacchi d’improvviso e cada, uccidendo qualcuno intento nella ricerca del carbone tra le viscere delle rovine. Cercare carbone, ecco una delle ragioni per cui la gente scende a Landwehr (…) i tedeschi parlano sarcasticamente delle rovine come delle uniche miniere di carbone che restano alla Germania”.

Da secoli in Europa le rovine sono testimonianza viva dei tempi antichi, capaci di trasmettere al corso del tempo le creazioni del genio umano e il suo tentativo di scalare l’infinito. Le rovine sono un patrimonio europeo, una carta di identità collettiva, ma oggi il vento che passa sui resti gloriosi del passato è bellicoso, e racconta, anche qui, dello scontro fratricida tra il capitale globale e una dimensione altra dell’esistenza, come va ripetendo Tomaso Montanari . Si potrebbe dire che buona parte del sentimento di sé dell’Europa coincida con il lungo viaggio di Hoelderlin/Iperione sulle tracce della Grecia classica. Preservare una continuità, fare delle rovine una ricchezza eterna. Eppure, l’Europa oggi assomiglia molto di più che alla Atene di Hoelderlin, alla torta fittizia che venne offerta a Dagerman in una villa borghese, in un parco abbandonato di Amburgo: “quella torta di cattivo pane tedesco offerta dall’avvocato e dallo scrittore è in realtà una torta simbolica, una torta liberale in cui la panna finta ha lo scopo di camuffare verità troppo amare. È indubbiamente una torta per i meno poveri. I più poveri non mangiano il pane in questo modo”. Una torta che di certo non avrebbe mai potuto mangiare l’ingegnere con un phd a Cambridge di 51 anni che lo scorso autunno è morto di povertà nel Wales, Regno Unito.

IMG_2131

Gli indesiderati

Nella Berlino “assiderata e affamata” sono visibili gli schemi generali che regolano la vita moderna, e che prevedono senza soluzione scarti umani a milioni. Il silenzio dei vecchi che nei tribunali per la denazificazione non sanno giustificarsi della propria ignavia rimbomba delle domande dei giovani: “avevamo 14 anni”, e poi “signor avvocato, permettetemi di dire che voi anziani che avete taciuto siete responsabili del nostro destino come una madre che lascia morire di fame suo figlio”. E le ex SS che ammettono “eravamo idealisti”. Le domande di questi giovani sono identiche a quelle poste dagli attivisti che dal 1992 tentano di porre i cambiamenti climatici sotto chissà quale riflettore politico. Altrove si muove l’animo umano, quando gli interessi personali, la timidezza all’azione morale e la propulsione economica all’espansione di desideri e ambizioni diventa biopolitica pura. Tutto può aspettare, compresa l’atmosfera, così come allora ci si poté rifiutare di aver paura di Hitler e di Heydrich. Tanto. Ci penserà qualcun altro. E mentre i genitori cercano i figli dispersi al fronte con cartelli appesi nelle stazioni sfondate dalle bombe, tutto quello che rimane della Germania è la lotta per le patate, per portarne il più possibile sul treno e poi alla famiglia, ma solo un sacco, perché se anche ne hai trovati tre sacchi, non c’è posto per tutte quelle patate nello scompartimento strapieno di profughi.

Per Dagerman tutti i poteri erano il Potere e in questo sembra aver intuito in anticipo di 60 anni il prezzo che l’Europa, attraverso la Germania, avrebbe pagato in nome della ricostruzione. Non abbiamo abbandonato affatto gli schemi biopolitici che portano alla catastrofe, al contrario. Il prezzo della ricostruzione non è stata una consapevolezza responsabile delle conseguenze delle azioni umane, ma una abiura della sondere Weg europea a totale favore del consumismo di importazione. I tedeschi più coraggiosi provarono a dire ad alta voce come si stavano mettendo le cose, ad esempio il giurista Frizt Bauer, che fu il vero artefice della cattura di Adolf Eichman e che non viene neppure menzionato nei programmi politicamente corretti di Rai Storia sulla Giornata della Memoria. Pur di non affrontare le vere dimensioni della colpa tedesca – cioè ammettere che si tratta di una colpa umana e non dotata di passaporto tedesco, e che simili azioni già le avevamo commesse in molti in Africa , Asia e Americhe – s’è accettata l’idea che basti un frigorifero per fare una civiltà, e un giorno del ricordo collettivo per instaurare comode definizioni del bene e del male. E così può accadere che il Goethe Institut di Milano metta in cantina i volumi delle poesie di Hoelderlin, come se l’Europa non potesse più dire nulla di se stessa se non in anglo-americano. Ciò che Dagerman già comprese è però ciò che anche Karl Jaspers comprese: “se noi ci mettiamo a indagare la nostra colpa fino alla sua fonte originaria, veniamo a trovarci di fronte all’umanità che nella forma tedesca ha assunto un modo caratteristico e terribile di diventare colpevole, ma che è una possibilità dell’uomo in quanto uomo”.

 

 

Scimmie clonate, vivere una vita già estinta 


Nel 2002 sul Monte Carmelo, in Israele, un team di paleontologi trova una mandibola visibilmente appartenente ad un ominide. Dopo anni di indagini per arrivare ad una datazione precisa la conferma è straordinaria : Homo sapiens, circa 170mila anni fa, il che significa che l’Out Of Africa potrebbe essere avvenuto quasi 40mila anni prima di quanto supposto finora. Questa notizia ne spiega una altra, e cioè l’annuncio della clonazione di due macachi in un laboratorio di bioingegneria in Cina. Due vicende che si spiegano una dentro l’altra, e che si completano a vicenda. Più a fondo scaviamo nel nostro passato evolutivo, più mostriamo disinteresse per il destino dei nostri parenti più prossimi ancora diffusi in brandelli di foresta su tre continenti . Più chiaro diventa il legame di parentela con gli antenati (i primati ) più siamo orgogliosi di potercene sbarazzare. La faccenda non riguarda solo interrogativi medici ed etici -è giusto sacrificare milioni di esseri viventi in laboratorio per sognare e conseguire l’immortalità ? – ma qualcosa di molto più pervasivo : la nostra identità di specie. Il nostro posto di specie in relazione a tutte le altre a cui il DNA ci lega, qui sì, per l’eternità.  

Il rapporto di parentela con le scimmie non è mai stato facile : Freud soleva dire che Darwin aveva strappato l’uomo alle sue fantasie narcisistiche attribuendone le origini ad un animale troppo simile a noi per non metterci in imbarazzo. L’identificazione era facile e per questo allarmante e paurosa. 
Mentre all’inizio della storia della biologia evolutiva moderna – durante i decenni centrali   dell’Ottocento, quando Darwin studiava la derivazione filogenetica delle specie – le collezioni naturalistiche delle principali città europee dimostravano l’ambizione umana di catalogare la natura e di comprenderla attraverso la comparazione, oggi i due macachi cinesi ( e la loro espressione terrorizzata ) ci parlano di un nuovo atteggiamento : il principio di riproduzione in serie. Le altre specie sono solo materiale da lavoro, i rapporti filogenetici uno strumento di implementazione della catena di montaggio. 
Quel che conta in questa storia di vita da laboratorio è la fine di ogni rispetto e riverenza nei confronti degli antenati, il taglio netto con il timore che annientare la dipendenza dal passato (la nostra storia evolutiva ) possa farci perdere la bussola. Homo sapiens ha costruito le sue civiltà sulla certezza del legame sociale, culturale e a volte addirittura religioso con gli antenati. Quando ha incluso tra di loro le scimmie antropomorfe ha imparato a dare valore alla natura. I due macachi ci dicono che tutto questo è un ricordo. Siamo già nel tempo oscuro di Blade Runner 2049 in cui il dolore di vivere coincide con la consapevolezza di essere stati creati e di non essere quindi mai nati.  E quindi già estinti. Privati di ogni legame evolutivo con un padre e una madre. 

South Africa: rhino poaching in 2017 almost matches 2016 figure: the crisis continues


TRAFFIC Press Release 

Johannesburg, South Africa, 25th January 2018—South Africa today announced the official number of rhinos illegally killed in the country during 2017 as 1028 animals: a tiny decrease on last year’s 1054.
“The marginally lower total in 2017 still remains unacceptably high and with close to three rhinos illegally killed daily in South Africa every single day, the bottom line is the crisis continues unabated,” said Tom Milliken, TRAFFIC’s Rhino Programme Leader.Although this figure marks the third year in a row where the rhino poaching total has dropped since the record high of 1,215 losses reported in 2014, undetected carcasses in vast places like Kruger National Park could easily account for the reported decline.
Kruger National Park, where the heaviest poaching losses have occurred previously, reported 504 animals poached in 2017, a further significant drop from the 662 rhinos illegally killed in 2016 and 826 in 2015. However, Minister Molewa also noted a rise in the number of elephants poached in the park—some 67 in 2017, a worrying development and further evidence of organised criminal activity taking place there. Furthermore, the rhino decrease in Kruger has been offset by increases in reported poaching in KwaZulu Natal (KZN), amid allegations of corruption in dealing with rhino-related crime in the province and the dismissal of “One of South Africa’s top anti-rhino poaching cops” 
But this is not only a provincial KZN problem, as at a national level, efforts to address rhino poaching appear to be hampered by the dysfunctional National Prosecuting Authority and Crime Intelligence division of the South African Police Service (SAPS), two of the country’s main crime fighting institutions. In February 2016, David Mabunda, Chief Executive of Ezemvelo KZN Wildlife, highlighted the “…increasing levels of corruption among our ranks, the police, immigration officials and other law­ enforcement and professional services such as veterinarians. The number of corruption cases in wildlife management is making our efforts to achieve success more difficult.”
Although official poaching figures are still awaited from other rhino range States, unofficial figures suggest there has been an overall drop in rhino poaching across Africa in 2017. However, combatting rhino poaching effectively will require a concerted global effort, greater information sharing between law enforcement agencies in source and consumer countries and targeted investigations aimed at dismantling criminal networks with tentacles that span the globe. 
In September 2017, TRAFFIC revealed disturbing new evidence of criminal networks of Chinese origin operating in South Africa processing rhino horn locally into beads, bracelets, bangles and powder to evade detection and provide ready-made products to consumers in Asia, mainly in Viet Nam and China, and called for increased resources to be made available to already over-stretched law enforcement efforts. 
In the meantime, despite various amendments, South Africa has still to adopt and implement its National Integrated Strategy to Combat Wildlife Trafficking. “TRAFFIC calls on South Africa urgently to adopt and implement its national strategy to combat wildlife trafficking: the potential growth of new markets for rhino products is a deeply worrying development that needs to be nipped in the bud—we’re far from seeing the light at the end of this very long, dark tunnel,” said Milliken.

WWF Canada chiede al governo di stanziare 1,4 miliardi di dollari per la protezione degli habitat selvaggi 

WWF Canada ha chiesto al governo canadese di stanziare almeno 1,4 miliardi di dollari del bilancio federale per la protezione degli habitat selvaggi. Il governo renderà noto soltanto a marzo come le risorse finanziarie saranno distribuite per gli anni a venire, ma dopo la pubblicazione dei dati sullo stato reale dei suoi ecosistemi – in un paese considerato ancora ampiamente intatto ( il 50% delle specie monitorate in Canada tra cui i grandi mammiferi sono purtroppo ormai in declino ) – stavolta il WWF spinge per una valutazione più completa. 
In una lettera diffusa via web Megan Leslie, presidente e Ceo di WWF Canada, ha spiegato che “il denaro non è sufficiente. Per arginare davvero il collasso della wildlife abbiamo bisogno di qualcosa di più di una infusione di denaro contante. Dobbiamo rivoluzionare il nostro approccio alla conservazione”. Leslie si riferisce al dibattito in corso sul futuro dello spazio selvaggio e sulla constatazione che le faune del pianeta potranno sopravvivere solo in territori abbastanza vasti da contenere funzioni ecologiche intatte: gli studi recenti del WWF mostrano che i trend in corso per la biodiversità globale, se qualcosa non cambia, ci porteranno ad una perdita del 67% delle popolazioni di specie selvagge entro il 2020, l’anno in cui faremo i conti con gli Aichi Targets, e cioè gli obiettivi per la conservazione posti al 2020. Il Canada si era impegnato a proteggere il 17% del suo territorio ( compresi fiumi e laghi ) ma nel 2016 si era appena al 10,5%. 
La questione – come è ormai chiaro anche in Africa – e’ solo una: lo spazio, quanto siamo disposti a concederne alle altre specie. Non basta che un parco nazionale sia qualitativamente splendido, deve essere anche molto, molto grande. Leslie: “per ottenere risultati consistenti nelle nuove aree protette la qualità e’ importante tanto quanto la qualità. Non possiamo sempre scegliere di cogliere i frutti scarsi di territori spogli e poveri di faune selvatiche dove ci sono anche poche minacce umane”. 
Inoltre, si legge nella lettera, “Un piano federale ben progettato può rafforzare la riconciliazione con le comunità indigene applicando le loro conoscenze e coinvolgendole direttamente nell’identificazione delle aree naturali più importanti, nonché nella loro gestione”.